per un Giornalismo dell’Empatia

real dialogue isn’t about talking to people who believe the same things as you. Social media don’t teach us to dialogue because it is so easy to avoid controversy… But most people use social media not to unite, not to open their horizons wider, but on the contrary, to cut themselves a comfort zone where the only sounds they hear are the echoes of their own voice, where the only things they see are the reflections of their own face. Social media are very useful, they provide pleasure, but they are a trap.

Così Zygmunt Bauman a El Paìs. Una visione abbastanza pessimistica degli scenari digitali.

Lo stesso Bauman, però (almeno io così l’ho sempre letto!), parecchi “anni digitali” fa, forniva la via d’uscita da una deriva soltanto in apparenza inevitabile: la pratica della solidarità. Ora: se ci fermassimo al racconto di Jeremy Rifkin, saremmo portati a pensare di essere già a buon punto: lui infatti di solidarietà ed empatia parla da diversi anni; se invece riflettessimo su alcune delle tipiche “dinamiche da social media”, come l’hate speech, concluderemmo che la rivoluzione empatica è ancora di là da venire (non manca, quindi, chi la invoca ancora).

Siamo probabilmente a metà del cammino; e forse ci siamo grazie alla spinta propulsiva di persone di buon senso e di buona volontà. Ma non basta: si può e si deve fare di più e meglio: il cammino deve farsi sistema.

E i giornalisti devono fare la loro parte.

Sono infatti convinto che la rivoluzione empatica sarà tanto più compiuta quanto meglio (anche) i giornalisti avranno fatto il loro lavoro. Ritengo cioè che il giornalista abbia l’obbligo sociale di conciliare le posizioni contrapposte dei  lettori seguendo e arbitrando la conversazione intorno alla materia proposta – che non vuol dire formare un pensiero unico, meglio precisarlo! Un lavoro due volte difficile (citofonare Anna Masera): difficile è la scelta dell'”argomento di discussione” (1); difficile è la gestione della comunità di riferimento (2). Un lavoro che, anche in ragione di queste difficoltà, va equamente ricompensato.

(1) Uno dei criteri che propongo per la retribuzione del lavoro giornalistico, cioè di misura del costo del contenuto pubblicato, è la tipologia del contenuto stesso
(2) Con la mia ricerca ho dimostrato, matematicamente, che l’entità del compenso è proporzionale alla “grana del capitale sociale” scambiato nella conversazione

Information is a public good & Nonprofit Media Organization


Ad Aprile dovrebbe uscire “Saving the Media – Capitalism, Crowdfunding, and Democracy”, di Julia Cagé, Assistant Professor of Economics nel Dipartimento di Economia presso “Sciences Po” a Parigi. Ad anticipare questa uscita sono in circolazione due presentazioni (The Future of the Media [pdf] e Saving the Media – Capitalism, Crowdfunding, and Democracy [pdf], via) e il video di un seminario tenuto dalla stessa Cagé.

Da questi documenti riporto un paio di argomenti che  somigliano in modo entusiasmante ad alcune delle ipotesi e delle conclusioni del mio lavoro di ricerca, #1news2cents:

  • Information is a public good (Media matters because it provides information to voters, Need for government intervention), come punto di partenza
  • Nonprofit Media Organization (Must invest any surplus revenue back into the organization), come soluzione. Qui ne avevo già segnalato un esempio per quanto il mio punto di riferimento continua a rimanere il Modello “alla Yunus”

Mi sento meno solo 🙂